Album non rap del 2021 che ti consiglio: Magica Musica di Venerus

In un anno dominato musicalmente da un ibrido tra rap e pop, come dimostrano i successi di Mace, Rkomi e Blanco, non so quanto convenga continuare a etichettare la musica per generi, mantenendo dei pregiudizi su artisti/dischi che possono riservare molte sorprese.

Un progetto che ha stupito tutti quest’anno è Magica Musica di Venerus, album d’esordio menzionato da noi con gli Awards per la miglior copertina, uscito a poche settimane di distanza da Obe di Mace e che sembra quasi essere un disco speculare, dal momento che la mano del producer è presente in buona parte della tracklist. Oltre a quelle dei due artisti, sono presenti produzioni di Crookers e Calibro 35, che danno un valore aggiunto alla Magica Musica di Venerus, rimandando a sonorità che vanno da Frank Ocean a Thundercat.

L’artista milanese non è da solo al microfono in questo viaggio che mischia psichedelia, amore e solitudine, ma è accompagnato da Rkomi in Namasté, Frah Quintale in Appartamento e Gemitaiz in Buyo, i quali si adeguano alle sonorità del padrone di casa e regalano delle buone performance.

Tra le tracce più interessanti, vanno menzionate l’introduttiva Ogni pensiero vola, che presenta benissimo il sound del disco e l’estraniamento di Venerus dovuto alla musica; Brazil, in cui la voce pitchata dell’artista si amalgama con un beat allucinato, dove interviene in sottofondo un sax e Ck, con un giro di basso che rimane impresso in testa e su cui il cantato di Venerus si poggia perfettamente.

Magica Musica è un progetto a 360º, in cui musica e testo si fondono per creare il mondo dell’artista milanese, che dopo due EP, molti featuring e un ruolo da protagonista in OBE dell’amico Mace, è riuscito a fare il grande salto con un disco d’esordio solido e senza sbavature. Un disco da “no skip policy”, per citare Roddy Ricch.

Hai ascoltato Magica Musica? Dicci la tua su Venerus nei commenti